Comune di Dolceacqua
Home >> L'Amministrazione Risponde >> Alta velocità lungo il tratto cittadino della SP64
 

Ecco il teso della lettera inviata dal Sindaco alla Provincia:

 

 Dolceacqua 20 aprile 2011

Spett.le

RACCOMANDATA R.R. Amministrazione Provinciale

Settore Viabilità e trasporti

Viale Matteotti, 147

18100 Imperia

Alla c.a. del Presidente Luigi Sappa

Alla c.a. Assessore Giacomo Raineri

E p.c. Al Presidente 1° Commissione Consiliare

Gianstefano Orengo

All' Ing. Michele Russo

Oggetto: Ennesima richiesta di intervento per alta velocità all'ingresso del Centro Abitato di Dolceacqua sulla SP. 64

Egregio Presidente,

Egregio Assessore,

sono con la presente a sollecitare un intervento URGENTE in merito alla possibilità di trovare accorgimenti per ridurre l'alta velocità nei due rettilinei di ingresso nel centro abitato del nostro Comune.

Ho già avuto modo di segnalare e fare rispettosa richiesta di un intervento in diverse occasioni, sia all'Amministrazione Provinciale precedente, che a questa.

- Nel marzo del 2009, a seguito di un incidente e alle proteste formali dei cittadini, tramutatesi in articoli sui giornali ed in raccolta di firme, ho fatto richiesta all'allora Presidente Gianni Giuliano e all'Assessore Luigino Dellerba e all'Ing. Russo, di installare dei dossi artificiali ai due ingressi. La domanda, pur supportata con pareri positivi ed esempi concreti di installazioni in altre Province, è stata respinta verbalmente. Anzi mi è stato chiesto di soprassedere paventandomi la possibilità di installare dei rilevatori e segnalatori di velocità in questi tratti.

Fatto mai avvenuto, ma installati nei Comuni di Camporosso ed Isolabona.

- Nel giugno del 2010 ne parlai con Lei Presidente Sappa che gentilmente si informò della situazione attraverso l'Ing. Russo e mi disse che avrebbe in qualche modo cercato di trovare una soluzione al problema; proponendomi anche di installare eventualmente un rilevatore di velocità della Provincia.

- Nell'autunno del 2010 in un incontro tenutosi presso la Comunità Montana Intemelia, organizzato dall'Assessore Raineri e dal Consigliere Orengo, esposi nuovamente il problema e mi venne nuovamente risposto che si sarebbe cercata di individuare una soluzione.

Oggi dopo due anni, la situazione non è cambiata e nel frattempo sono accaduti due nuovi incidenti che hanno visto coinvolti due bambini che erano su un auto in sosta colpita da un'altra auto che ha perso il controllo per l'alta velocità, ed in un secondo un anziano, investito sulle strisce pedonali.

Non è mio carattere alzare i toni della polemica, battere i pugni sul tavolo o intrattenere i rapporti attraverso i giornali, ma è evidente che questo mio modo, ad oggi garbato di segnalare la situazione, non è servito a risolvere un problema che i miei cittadini, con ragione, mi chiedono con forza di risolvere a salvaguardia della loro incolumità.

Cittadini che se comprensibilmente vorranno riaprire la polemica sui giornali, troveranno anche la mia piena solidarietà.

Capisco e conosco la difficile situazione finanziaria dell'Ente, ma non si può nemmeno accettare che in due anni non si possa risolvere un problema così grave per il quale non servono certamente cifre elevate. Un problema che non può diventare importante solo dopo un incidente grave o in cui possa perdere la vita qualcuno.

Per questo motivo sono per l'ennesima volta a chiedere una soluzione al problema fornendo alcune proposte.

Ingresso Paese a valle direzione monte:

- potremmo avere la possibilità economica di creare una rotonda posizionandola poco prima del distributore. Se il progetto fosse da voi accolto (vi sarà presentato non appena disponibile il progetto) risolverebbe il problema dell'alta velocità in quel tratto;

Ingresso Paese a monte direzione mare:

- l'installazione di dossi artificiali oppure di semafori;

- la realizzazione di un tratto di marciapiedi nella strettoia tra Piazza Matteotti e Via Provinciale.

Nel dare la disponibilità anche per un eventuale sopralluogo, resto in attesa di un celere riscontro

Cordiali saluti

Il Sindaco

Fulvio Gazzola

 

 

Allegati:

- copia della lettera inviata il 3 marzo del 2009

- raccolta di firme da parte dei cittadini

- nr. 2 articoli

- documento contenente commenti su

 

==============================================================================================================================================================

Questa lettera seque altri interventi che il Sidnaco in passato ha attuato per sensibilizzare un intervento della Provincia.

 

Diversi residenti ci hanno segnalato, anche in passato, questo importante problema.

A  seguito di incidenti si erano raccolte firme a tutela dei pedoni.

L'amministrazione condividendo queste preoccupazioni ha più volte sottoposto il problema alla Provincia, proponendo anche delle soluzioni.

Dopo anni di solleciti, nel marzo 2009, SIndaco Gianni Rebaudo, l'allora Assessore al Turismo Fulvio Gazzola, proponeva, attraversvo la presentazione di un "dossier" completo su quanto fosse pericolosa la situazione,  l'installazione di attraversamenti Pedonali rialzati (vedi allegato).

A questo soluzione la Provincia, risponde verbalmente che non era possibile procedere all'installazione di attraversamenti pedonali rialzati e confermava di non avere risorse a disposizione per l'istallazione di semafori. Proponeva però, per l'anno successvio (2010) l'installazione di pannelli rilevatori della velocità, quale deterrente.

Nel novembre 2010, il Sindaco Fulvio Gazzola, incontrava il Comissario Prefetizzio per ribadire la problematica e chiedere il mantenimento della promesa fatta con l'inserimento delle risorse necessarie per l'installazione dei pannelli rilevator idi velocità.

Nel Luglio 2010, con l'insediamento del nuovo Presidente della Provincia Luigi Sappa, il Sindaco in un incontro sottoponeva nuovamente questa problematica al nuovo Presidente, il quale confermava la mancanza di risorse e di soluzioni a breve termine. Durante l'incontro si era ipotizzato l'installazione di semafori in grado di rilevare anchela velocità ma in quel momento l'utilizzo era sotto verifcia di legittimità.

Sempre nel mese di Luglio, presso la Comunità Montana con un incontro con il neo Assessore alla Viabilità Giacomo Raineri, il Sindaco riproponeva l'attenzione su questo problema ricevendo da parte dei tecnici presenti l'assicurazione che il problema era noto e che avrebbero cercato di individuare delle soluzioni.

Nel mese di ottobre, l'Amministrazione individua la possibilità d irealizzare con proprie risorse una rotonda all'ingresso del Paese, zona cimitero, che consentirà il rallentamento del traffico ed il progetto è in fase di elaborazione.

In data di oggi, il Sindaco ha inviato una nuova lettera alla Provincia, preanunciando la realizzazione di questa rotonda, che dovrà comunque ricevere un parere positivo da parte della Provincia per la sua realizzazione, ma chiedendo che la stessa provedesse ad individuare soluzioni e risorse per la parte a monte, nel prossimo Bilancio (vedi allegato).

Con questo vogliamo assicurare i nostri concittadini del continuo impegno da parte di questa Amministrazione, nell'individuare soluzioni che possano mettere fine a questa situazione di pericolosità, impegnnadoci a fornire ogni aggiornamento in merito.

In data di ieri è quindi stata inviata una nuova lettera di sollecito, alla quale, se non si avrà un'adeguato riscontro, il Sindaco chiedereà ai CIttadini di attuare altre forme di sensibilizzazione.