Comune di Dolceacqua
Home >> Il Comune Informa >> Lunedì 12 Agosto Presentazione del Progetto Socio-Lavorativo

PROSENTAZIONE PROGETTO

SOCIO-LAVORATIVO

 

«Progetto IN.TE.S.E.»

(Inclusione territoriale sviluppo ecocompatibile)

La popolazione è invitata a partecipare

Lunedì 12 agosto alle ore 16,30

 

presso il Cinema Cristallo di Dolceacqua,  alla  presentazione dell’ intervento integrato per favorire l’inserimento socio-lavorativo di soggetti a rischio di emarginazione sociale e ai programmi formativi previsti dal Progetto INTESE, approvato dalla Regione Liguria, ottenendo un Finanziamento di 710.671 euro.

Durante l’incontro oltre ad essere illustrato in dettaglio il progetto saranno spiegate le modalità di adesione da parte degli utenti che rientrano nelle categorie previste dal Bando Regionale, le cui domande potranno essere presentate dal mese di settembre dopo nuova specifica comunicazione.

          L’amministrazione Comunale

Il Sindaco

Fulvio Gazzola

 

Desrizio del Progetto

 

INTERVENTO INTEGRATO PER FAVORIRE L’INSERIMENTO SOCIO-LAVORATIVO DI SOGGETTI A RISCHIO DI

EMARGINAZIONE SOCIALE

 

 

‘Progetto IN.TE.S.E.’

(Inclusione territoriale sviluppo ecocompatibile)

 

SOGGETTO PROPONENTE /Ente capofila: Comune di Dolceacqua

Partner: C.P.F.P ‘G. Pastore’, ‘Scuola Edile Imperiese’, Cooperativa ‘La Fenice’ scarl.,  Ambito Sociosanitario nr.2 Camporosso – Val Nervia.,

 

 

 

Presentazione   delle attività di progetto, della ricaduta occupazionale e della   sostenibilità dei risultati

 

 

 

 

 

Attivazione della prima fase operativa del progetto: Settembre 2013 (accesso dei soggetti beneficiari alle attività previste)

 

 

 

 

Dolceacqua, 12 agosto2013

OBIETTIVI GENERALI DEL PROGETTO IN.TE.S.E.

 

 

 

 

Creazione/sviluppo della rete dei servizi sociali del territorio afferente i comuni di Dolceacqua, Airole, Baiardo, Castelvittorio e Isolabona, che hanno sottoscritto l’accordo di programma per la realizzazione delle funzioni del settore sociale ed igienico-sanitario.  A supporto della rete verrà realizzato un sistema informativo dedicato che svilupperà i livelli informativi per gli attori della rete.

Creazione di cooperative sociali (25 unità complessive coinvolte) per la gestione di servizi ad oggi esternalizzati dagli Enti Locali (gestione ambientale, raccolta differenziata, verde pubblico, sentieristica, parcheggi/bike-sharing, etc.) e prestazioni rivolte al privato quali manutenzione di uliveti, terrazze, viticultura. Lo sviluppo di nuova occupazione, oltre a dare occasione di lavoro a soggetti con alto rischio di emarginazione sociale, consentirà di radicare sul territorio realtà economiche in grado di contrastare efficacemente l’abbandono e lo spopolamento delle aree interne.

Sviluppo della sensibilità degli Operatori dei Servizi Sociali, dei familiari e delle popolazioni, a sostegno delle fasce deboli.

Strumenti fondamentali del progetto saranno pertanto:

·        la realizzazione della rete tematica interattiva

 

·        l’azione formativa volta a far crescere le competenze dei soggetti beneficiari

 

·        le misure di accompagnamento alla stabilizzazione del lavoro attivato

 

·        la diffusione dell’informazione a sostegno dei soggetti a rischio di emarginazione sociale attraverso convegni, seminari divulgativi.

 

 

 

 

 

 

 

STRATEGIA DEL PROGETTO

La strategia messa in campo per raggiungere gli obiettivi sopraelencati è fondata sulla rete di partenariato tra i Comuni aderenti, CCIAA, Distretto Sociosanitaro, Enti del sistema della formazione professionale, Aziende ed Imprese del Terzo Settore, Associazioni datoriali, sindacali, mondo dell’Associazionismo e del Volontariato (attivato nella fase di predisposizione del Piano) che si è reso operativo ai fini della definizione delle linee strategiche e delle modalità attuative di intervento.

La rete di partenariato così costituita ha infatti provveduto ad elaborare una progettualità condivisa che ha tenuto in debito conto le esigenze del comprensorio e le specifiche emergenze sociali.

L’altra strategia attivata è quella promossa dai Comuni aderenti che mettono in campo risorse dei propri bilanci per consentire un concreto aiuto allo start-up delle imprese sociali previste dal Progetto.

RISULTATI ATTESI

Al termine dell’attività del Progetto si prevede la realizzazione di:

·        sperimentazione di un modello di governance delsociale’ nel territorio coinvolto

·        realizzazione del portale della rete sociale dei Comuni coinvolti,

·        attività formativa verso 100 soggetti, mirata a favorire lo sviluppo delle competenze nei percorsi di creazione di impresa e/o lavoro autonomo, e  ad accrescere la sensibilità degli operatori dei Servizi Sociali, dei famigliari e delle popolazioni, a sostegno delle fasce deboli

·        costituzione di imprese sociali per la gestione di servizi nei settori’ambiente’ ed ‘agricoltura’

·        stabilizzazione dei destinatari del progetto nelle aree previste di disagio sociale tramite tirocini mirati, voucher ed inserimenti lavorativi

AZIONI ED INIZIATIVE PREVISTE

1. Studi e ricerche

·        Analisi e ricerca sul recupero dei mestieri artigianali a più alto indice di inserimento di soggetti svantaggiati

2. Nuove attività economiche

·        Creazione di una cooperativa sociale per la manutenzione del verde, raccolta differenziata attraverso attività formative integrate che prevedano l’inserimento di giovani e/o adulti (formazione d’aula e individualizzata, elaborazione del business plan, acquisizione di servizi finalizzati alla realizzazione di forme di aggregazione e alla costituzione di reti di collaborazione, investimenti materiali ed immateriali).

·        Creazione di una cooperativa sociale nel settore agro-alimentare attraverso attività formative integrate che prevedano l’inserimento di giovani (formazione d’aula e individualizzata, elaborazione del business plan, acquisizione di servizi finalizzati alla realizzazione di forme di aggregazione e alla costituzione di reti di collaborazione, investimenti materiali ed immateriali).

 

3. Inserimenti lavorativi

·        Attività di orientamento, formazione, work experience, aiuti all’occupazione per giovani/adulti disoccupati mirata all’inserimento lavorativo alle dipendenze

·        Attività di orientamento allo sviluppo di idee imprenditoriali che prevedano l’inserimento di giovani e/o adulti attraverso interventi di sostegno al lavoro autonomo

4. Promozione e publicizzazione del progetto IN.TE.S.E.

·        Realizzazione del portale tematico della rete sociale dei Comuni coinvolti

·        Predisposizione del piano di comunicazione e degli interventi informativi (seminari e convegni) ai potenziali beneficiari delle attività previste dal Progetto

5. Attività di assistenza al Progetto

·        Comitato di partenariato per la gestione del Progetto

·        Assistenza tecnica al Progetto (Coordinamento, Monitoraggio/valutazione, Segreteria, Rendicontazione delle spese.

Piano finanziario generale del progetto

 

 

1. FSE ATTIVITA’ FORMATIVE

Asse

Obiettivo specifico

Importo pubblico richiesto (€)

III

g

€   225.398,00

2. FSE MISURE DI ACCOMPAGNAMENTO ALL’INSERIMENTO LAVORATIVO

Asse

Obiettivo specifico

Importo pubblico richiesto (€)

III

g

€ 256.902,00

3. FSE ASSISTENZA A STRUTTURE ESISTEMI

Asse

Obiettivo specifico

Importo pubblico richiesto (€)

III

g

€   177.700,00

4. FLESSIBILITA’ FESR

Asse

Obiettivo specifico

Importo pubblico richiesto (€)

III

g

€   143.000,00

Costo totale progetto   (FSE + Flessibilità FESR)

 

€ 803.000,00