Comune di Dolceacqua
Home >> Il Comune Informa >> I Sindaci contro la Manovra Finanziaria

 

I SINDACI contro la MANOVRA FINANZIARIA

CHIUSURA DELL'UFFICIO ANAGRAFE il 15 SETTEMBRE

I TAGLI AI COMUNI SONO TAGLI AI TUOI DIRITTI

Carissimi cittadini,

come certamente saprete la nuova manovra finanziaria del Governo, sta mettendo in ginocchio la funzionalità dei Comuni e di conseguenza i servizi che esso eroga a Voi Cittadini.

I tagli ed il patto di stabilità bloccano di fatto ogni possibilità di migliorare i Comuni, strangolano le imprese e obbligano a scegliere fra aumento della pressione fiscale e riduzione dei servizi. Tutto questo è contrario alla nostra Costituzione, e porterà inevitabilmente ad una ulteriore contrazione della crescita e renderà ancora più poveri i cittadini, le famiglie e le imprese.

Maggiormente colpiti sono i piccoli Comuni, per i quali sono state previste norme che addirittura indicano anche l'ora di convocazione dei consigli e delle giunte. Essi sono stati mortificati e ridotti a enti virtuali.

La diminuzione dei Consiglieri e degli Assessori, paventata come il grande intervento di taglio dei costi della politica, sono falsità che non fanno onore ad uno Stato democratico. Il costo annuale del Consiglio Comunale di Dolceacqua, ad esempio, equivale a meno del costo mensile di un Deputato.

Si preferisce chiudere 1.000 Comuni ma non diminuire 10 Deputati!!!.

Si preferisce togliere ai Comuni invece di andare a vedere dove le risorse si sprecano realmente.

Ogni anno i Comuni hanno portato soldi alle casse dello stato per un totale di oltre 3 miliardi di euro. Lo Stato continua a sprecare e noi siamo costretti ad aumentare le tasse o a chiudere i servizi.

E noi Sindaci non vogliamo essere complici ed esecutori di questa manovra che peggiorerà la qualità della vita delle nostre comunità, ma nemmeno svolgere un mero ruolo di contabili per mantenere in vita solo la struttura di un Comune e non rinunciare alle risorse per investimenti e per la manutenzione ordinaria.

Una manovra che nessuna parte politica pare voglia seriamente contrastare a favore dei Comuni, ed è per questo, che insieme all'ANCI, abbiamo deciso una forte azione simbolica di protesta a cui aderiranno Sindaci di tutta Italia.

Giovedì 15 Settembre, come ho provveduto a comunicare al Prefetto, referente del Governo sul Territorio, l' Ufficio Anagrafe del Comune rimarrà chiuso.

Ho deciso di scrivervi per far conoscere a che punto siamo arrivati e perché ognuno di voi possa rendersi conto che la protesta che i Comuni e l'ANCI stanno facendo non è la protesta della "casta" ma di chi lavora seriamente per rendere i nostri Comuni ed il nostro Paese sempre più solidi, competitivi e vivibili.

Il Sindaco

Fulvio Gazzola

 

Allegati:

- lettera inviata al Prefetto